ADDIO A STEVE JOBS, IL GENIO CHE HA CAMBIATO ANCHE LA MUSICA


Aveva 56 anni, ha cambiato il mondo della tecnologia, inventò Itunes nel 2001

Steve Jobs è morto, aveva 56 anni. Fondò la Apple insieme a Steve Wozniak, cambiando per sempre il modo di pensare la tecnologia. La notizia è arrivata attorno alle 19:30 di ieri (l’1:30 in Italia) ed è immediatamente rimbalzata su Twitter e su Internet, in ogni angolo del mondo.

L’annuncio nel comunicato di Apple: “Siamo profondamente rattristati di dover annunciare che Steve Jobs ci ha lasciati. La sua passione ed energia sono state la fonte di innovazioni incalcolabili e che hanno arricchito e migliorato la vita di tutti noi. Il mondo è incredibilmente migliore grazie a Steve Jobs. Il suo grande amore era la moglie Laurene e la sua famiglia. I nostri pensieri vanno a loro e a tutti coloro che sono stati toccati dal suo talento straordinario”, si legge in un comunicato della casa di Cupertino. Subito dopo, la conferma dei parenti: “Se ne è andato in modo sereno, circondato dalla sua famiglia. Sappiamo che molti di voi parteciperanno al nostro dolore e vi chiediamo di rispettare la nostra privacy in questo momento di lutto”.

E’ datato 9 gennaio 2001 il battesimo ufficiale di iTunes il programma di gestione di library di musica (e oggi anche di film e altre tipologie di contenuti) della società di Steve Jobs.

Che, poco dopo (il 21 ottobre dello stesso anno) trovò nel dispositivo portatile più cool di sempre, l’iPod, il suo naturale “alleato”.

Il successo dell’iPod è tutto nelle cifre: a oggi Apple ha venduto circa 280 milioni di player portatili (nel tempo divenuti sempre più sofisticati e capienti) in ogni angolo del mondo. Un “tecno-walkmann” per ogni tasca e per ogni generazione.

Per il lancio dello store virtuale di Apple, l’iTunes Music Store, accessibile appunto da iTunes, si dovette attendere invece il maggio del 2003. Fu questa la svolta decisiva anche per l’asfittica industria delle sette note che trovò nuova linfa dal successo di questo negozio sui generis che proponeva, da subito, un’offerta musicale piuttosto ricca (all’esordio contava infatti 200 mila canzoni) vendute al prezzo di 99 centesimi ciascuna.

A oggi i brani disponibili sono divenuti oltre 14 milioni, mentre i download hanno superato il dato globale di 10 miliardi nel febbraio scorso.

Anche il mondo della musica e’ in lutto per la scomparsa di Steve Jobs. Jovanotti, Giorgia, Negramaro sono solo alcune delle star che hanno usato Facebook e Twitter per ricordarlo. ”Addio genio di mele! Scrivo da una delle tue ora. Come sempre”, scrivono i Negramaro. I Duran Duran: ”Grazie per tutte le innovazioni e il tuo genio Mr.

Jobs”. ”Siamo tristi per la sua morte – dicono i Coldplay -,uomo meraviglioso e umile. Ci manchera”’.

Annunci

Commenta la notizia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: