JOE STRUMMER, NOVE ANNI DOPO


La rivista Rolling Stone ricorda il grande artista britannico

Ricorre il nono anniversario dalla scomparsa di Joe Strummer. Uno dei punk più ribelli della sua generazione, Strummer visse un’adolescenza perfetta per la sua musica: fu cacciato da scuola, suonò nelle stazioni della metropolitana londinese, e soprattutto si spostava da una band all’altra. Da quando formò i Clash nel 1976, fu considerato il grande scopritore di tutte le sottoculture più vibranti – il rock delle origini, il reggae, la controcultura e la politica razziale – motivi per cui la sua band divenne leggendaria.

John Graham Mellor (il vero nome di Strummer) nacque ad Ankara, in Turchia, e suonò su tutti gli album di successo del catalogo dei Clash. Le sue parti di chitarra erano melodiche ma pervase da un’urgenza irresistibile, trasudava vita anche nei momenti più tranquilli della band. Il loro dentellato, intelligente London Calling, di cui Strummer era il primo autore, ebbe un effetto immediato sulla scena internazionale musicale a tal punto da essere votato Miglior Album degli anni ’80 per Rolling Stone.
Dopo aver lasciato la band nel 1986, Strummer rimase comunque attivo, affiancandosi ai Mescaleros, ai Pogues e producendo colonne sonore. Era anche molto attivo socialmente nella raccolta di fondi per numerosi enti di beneficenza e organizzatore del programma ecologico Future Forests. Morì per un problema congenito al cuore mai diagnosticato a soli 50 anni.

A ricordarlo oggi sono davvero in molti, fra questi Tim Burgess dei Charlatans, Alan Mc Gee (fondatore della Creation Records) e Billy Bragg.

(RolligStone)

Annunci

Commenta la notizia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: