CONCERTO ROLLING STONES, CIRCO MASSIMO “IMPACCHETTATO”


Transenne in acciaio alte due metri e ricoperte da un telo antistrappo nero a protezione del concerto

ImmagineCosì gli organizzatori del concerto dei Rolling Stones hanno ‘impacchettato’ il Circo Massimo di Roma per nasconderlo agli occhi indiscreti degli spettatori senza biglietto e dei curiosi (FOTO). Resteranno quindi delusi tutti quelli che, chiedendosi come sia possibile celare un’area così grande, pensavano di assistere allo spettacolo piazzandosi semplicemente ‘sopra’ gli spettatori paganti.

La posa del telo è iniziata sabato mattina in corrispondenza delle transenne che delimitano ‘l’area rossa’, quella compresa tra via dei Cerchi-via di S. Teodoro, via dei Cerchi-piazza di Porta Capena, viale Aventino-viale del Circo Massimo via della Greca-lato Bocca della Verità, alla quale dalle 14 di domenica avrà accesso solo il pubblico munito di biglietto.

I controlli all’interno, oltre che dalle forze dell’ordine, saranno attuati da circa 1000 steward nonché dal personale della protezione civile. Predisposte dal Campidoglio anche alcune variazioni della viabilità che culmineranno con la chiusura totale, prevista dalle 14 di domenica, di diverse arterie intorno al Circo Massimo, per agevolare l’ingresso degli spettatori.

Intanto i Rolling Stones e i 50 membri dell’entourage della band britannica sono arrivati a Roma e hanno occupato due interi piani dell’Hotel St. Regis, uno dei piu’ lussuosi della capitale, per un totale di 48 stanze. Arrivati venerd’ alle 17.30 all’aeroporto di Ciampino con il loro volo privato proveniente dalla Germania (un Boeing 737 con il nome della band e la lingua più famosa della storia del rock dipinti sopra), Mick Jagger & compagni sono stati immediatamente scortati in hotel, dove i fan si sono subito raggruppati numerosi. Jeans e magliette colorate, i componenti della leggendaria band sono usciti dall’aeroporto da un’uscita secondaria e, giunti in hotel, hanno dribblato tutti: solo Mick Jagger e Keith Richards, in serata, hanno concesso un fugacissimo saluto con la mano da una finestra.

E qualcuno in un primo momento ha scambiato la colorata fascia per i capelli di Richards (in verita’ con i colori della bandiera rasta, ovvero nero, verde, giallo, rosso) per un segno di ‘tifo’ italiano ai Mondiali. Ma con gli zoom dei fotografi l’equivoco e’ stato subito chiarito.

Anche sulla cena erano circolate insistentemente voci di una prenotazione per gli Stones in un ristorante esclusivo del Celio, ma nessuno in giro per la citta’ e’ riuscito a vederli ed e’ probabile che i quattro abbiano mangiato proprio in hotel. Finora nessun sopralluogo ufficiale e’ stato fatto dalla band al Circo Massimo, ma non e’ escluso che il convoglio di minivan su cui hanno viaggiato dall’aeroporto verso l’albergo sia transitato lungo l’area per far dare almeno un’occhiata al palco. Allo stesso modo non e’ previsto alcun sound check ufficiale con la presenza di Mick Jagger, Keith Richards, Ronnie Wood e Charlie Watts.

I Rolling Stones si preparano cosi’, nel loro buen ritiro blindato, ad infiammare domenica i fortunati 65.000 spettatori paganti del Circo Massimo. Poco o nulla si sa di come i quattro spenderanno il loro tempo nella capitale e al momento sembra che la maggior parte la trascorreranno blindati in hotel. Ma bastera’ aspettare domenica per vederli dimenarsi sul palco, come fanno da ben 50 anni, in una scaletta che unisce i piu’ grandi successi a rarita’ del loro repertorio.

(Fonte: Adnkronos.it)

Annunci

Commenta la notizia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: